Preghiera - Maggio

SEMPRE Maurizio Maggiani, autore di libri indimenticabili come “Il coraggio del pettirosso” e “Il viaggiatore notturno”, e Luigi Verdi, fondatore della seguitissima Fraternità di Romena, compongono un prezioso breviario lasciando ogni volta che le loro storie siano accompagnate da chi ha segnato le loro vite. Donne e uomini che hanno fatto ciò che ritenevano giusto, senza clamore, con pazienza, disciplina e sopportazione. “Lampadieri”, li chiama Tom Benetollo, indomito pacifista che compare nel libro, “non per eroismo o narcisismo, ma per sentirsi dalla parte buona della vita. Per quello che si è.

Il nuovo libro di Maurizio Maggiani, vincitore del Premio Strega e del Premio Campiello, insieme a don Luigi Verdi, fondatore di una comunità conosciuta in tutta Europa come punto di riferimento per chi vuole (ri)trovare un senso si spiritualità e autenticità.“Non c’è fisico, non c’è teologo, non c’è matematico, non c’è amante che possa

mettere la mano sul fuoco sulla parola Sempre. Eppure è come una culla,

se ti metti lì dentro ti senti al sicuro. Un miracolo, no?”Dalla riscoperta del sacro nella vita di tutti i giorni fino a un’educazione all’essenziale: questo libro racchiude temi universali, gli elementi per vivere una vita piena e vera, raccontati con sincerità ed empatia.

Due personalità che sono un punto di riferimento per chi aspira a una vita più autentica e spirituale, ci conducono lungo un percorso che tocca tutti i temi fondamentali che ci aiutano a vivere meglio e di virtù come la bellezza, la pazienza, il coraggio, la forza di resistere a un mondo che spesso non ci rappresenta."Sempre" è il racconto intenso e appassionato di una vita vissuta in un’atmosfera di pervasiva sacralità del creato. Un racconto scandito da aneddoti e ricordi personali, piccole lezioni e grandi maestri, riflessioni e personaggi destinati a lasciare il segno.

Questo libro ha un precedente nella voce. Due amici si ritrovano intorno a un tavolo e disegnano un percorso: ogni tappa è contrassegnata da una parola. Alcune sono sulla bocca di tutti, come libertà e bellezza, semplicità e leggerezza, altre invece non si usano più, come se non interessassero a nessuno: fedeltà, castità, pietà, gioia, grazia.Per i lettori di Mauro Corona, Luigi Maieron, e per tutti coloro che vogliono ritrovare in un libro antiche emozioni e sentimenti universali.

Maurizio Maggiani e don Luigi amici, «fratelli», sono il pungolo l'uno per l'altro. "Sempre" il loro libro è un dialogo sulla vita -- e sulle loro vite -- in cui evocano ricordi, svolte, figure decisive (Garibaldi, Mazzini, Charles de Foucauld, che inaugurò nel Sahara un'esistenza ispirata allo stile di Gesù, nonni, genitori, l'eremita Giosuè Boesch, il teologo-poeta David Maria Turoldo).

Alessia Rastelli, La Lettura

 

Maurizio Maggiani, scrittore senza Dio, e Luigi Verdi, sacerdote e fondatore della Pieve di Romena, dialogano sul senso della parole e come queste ci possono cambiare.

Il Secolo XIX

Uno dei miracoli che può ancora accadere nella grande palude editoriale è quello di terminare di leggere un libro e provare la sensazione dell’assetato che ha sorseggiato ogni pagina fino all’ultima goccia e adesso gli tocca ritornare nel deserto e rimettersi in cammino confidando nella prossima oasi. È quello che capita dopo aver richiuso "Sempre" di Maggiani e Verdi.

Massimiliano Castellani, Avvenire

 

Maurizio fa lo scrittore (lo sanno tutti). Luigi il prete (lo sentono tutti). Sono entrambi due sacerdoti: il primo della parola, il secondo dell’anima. Il primo rende grazia al suo Dio (l’anarchia, i libri) scrivendo, il secondo celebrando messa (con tanto di calice ed eucarestia) accogliendo i poveri, i disadattati, le coppie in crisi, i giovani rincoglioniti.

Antonio Orlando, voxLIBRI