Video 23 maggio 2018

Estate 2018 Pellegrinaggio Pozzuoli-Roma

11 Apr 630
La solita estate? Dal 5 al 12 agosto 2018, le Suore animatrici della pastorale giovanile delle Suore della Carità organizzano, con la Pastorale Giovanile di Roma una "marcia" sulle orme di San Paolo, da Pozzuoli a Roma.

Per mille strade a Roma

Incontro dei giovani con il Papa Sabato 11 e domenica 12 agosto 2018, i giovani italiani, “X mille strade” raggiungono il luogo del martirio petrino.
Da Pozzuoli a Roma I giovani raggiungeranno Roma accompagnati dai loro educatori e dalle Suore della Carità

YOUTOPIA - Le insidie di Internet e i rischi che i giovani corrono sul web sono raccontati nel nuovo film di Berardo Carboni. La storia di Matilde colpisce con la sua verità, con un linguaggio schietto e potente, capace di far riflettere non solo i ragazzi ma anche i genitori.

Una diciottenne mette all'asta la sua verginità per soldi. Fatto realmente accaduto, peraltro. Da un soggetto del genere ci si potrebbe aspettare il peggio: volgarità, banalità, voyeurismo facilone e compiacente. Invece Youtopia scardina tutte le previsioni più scontate. Poetico, filmato e recitato alla perfezione, nuovo e modernissimo nella forma, ma insieme capace di parlare a un pubblico a 360° e soprattutto di emozionarlo e coinvolgerlo fino all'ultimo secondo.

Berardo Carboni mette in scena un vero e proprio dramma contemporaneo prendendo come spunto le insidie e il fascino perverso che il web può esercitare su giovani e adulti attraverso l’offerta di sesso. Il regista e gli sceneggiatori puntano – riuscendoci bene – a rendere il senso di sconfitta e malinconia di chi è costretto, come Matilde, impersonata dalla brava Matilde De Angelis, a spogliarsi per aiutare una famiglia senza via di uscita. Allo stesso tempo, viene reso bene un certo viscido degrado di chi passa il tempo sul web per cercare giovani prostitute; anche in questo caso Alessandro Haber è perfetto nell’interpretare il personaggio di Ernesto che, pagando, pretende con prepotenza ogni cosa.

Altro aspetto interessante del film è il rifugio virtuale che la Rete offre a chi si sente solo. Matilde non ha veri amici o amiche, per lei il web è anche via di fuga in un mondo irreale in cui chatta e dialoga con Hiro, un avatar che per lei costruisce Youtopia. E proprio nella realtà virtuale Matilde trova il suo rifugio. Una realtà creata interamente al computer e che in Youtopia prende letteralmente possesso dello schermo: lo spettatore si ritrova più volte immerso nell’universo di Landing, il videogioco online nel quale Matilde vive una vera e propria vita parallela.

Attraverso il videogioco, tutto in Youtopia diventa doppio: il film passa da un livello all’altro di rappresentazione con facilità, portando sullo schermo dei veri e propri paradossi. Se infatti il web è stato per Matilde il luogo della perdizione, del pericolo e del rischio, nello stesso tempo attraverso Landing, diventa vera e propria via di fuga. Solo quando gioca la ragazza è in pace, riesce ad esprimere liberamente le proprie emozioni, è in grado di essere realmente se stessa. Internet manifesta così tutta la sua doppia identità: luogo pericoloso e insidioso, ma anche strumento per provare emozioni nuove e essere liberi di fare ciò che si vuole.

Matilde vive così una doppia vita: quella di giovane ragazza costretta a fare i conti con una realtà difficile, ma allo stesso tempo quella di Dancing, giovane e forte guerriera, in grado di salvare i pianeti da pericolosi mostri.

Ma il tema del doppio viene declinato da Corradi anche in un altro modo, quello forse più delicato: la creazione di una relazione. Se infatti, oltre ai tanti uomini già incontrati con la webcam, Matilde conosce Ernesto, farmacista di 60 anni deciso a comprare la sua verginità, in Landing la giovane ragazza si imbatte in Hiro, un altro giocatore di cui non conosce altro che la voce. Il primo incarna fisicamente il pericolo che il web può rappresentare per le giovani ragazze: un uomo sicuramente malato, alla continua ricerca di qualcosa o qualcuno da possedere, per dimostrare la propria forza e virilità. Hiro invece rappresenta tutto quello che Matilde sogna: un ragazzo gentile e affascinante, con il quale parlare liberamente e esprimere le proprie paure.

Peccato che Hiro non sia reale, o meglio Matilde non lo conosca nella realtà. Il sentimento che però i due iniziano a provare l’uno per l’altra sembra più reale di qualsiasi altra cosa e forse basta questo alla giovane ragazza per imparare a vivere appieno anche la sua vita vera. Hiro le dà speranza, capacità di credere in se stessa e forza per affrontare la realtà.

E questo è il messaggio che lascia nello spettatore il film di Carboni; e lo sguardo finale di Matilde, finalmente sorridente, lascia presagire che per lei si aprano nuove possibilità, lontano dallo schermo di un computer.

In evidenza

  • Default
  • Title
  • Date
  • Random
load more hold SHIFT key to load all load all

Mettiamoci nei panni degli altri

Nei panni di chi vuol affermare la propria dignità

Nei panni di chi vuol affermare la propria dignità

YOMMEDINE Quando arriverà il “giorno del giudizio”, tutti saremo valutati in base a ciò che siamo e siamo stati, e Read More
Nei panni di chi vive una doppia vita

Nei panni di chi vive una doppia vita

YOUTOPIA - Le insidie di Internet e i rischi che i giovani corrono sul web sono raccontati nel nuovo film di Read More
Nei panni di chi esce dalla casa-famiglia

Nei panni di chi esce dalla casa-famiglia

MANUEL il primo film di Dario Albertini e racconta l’impatto col mondo di un ragazzo diciottenne, una volta fuori dalla Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

La nostra storia

Movimento Giovanile santa Giovanna Antida Thouret

Iniziative SGAT

Capodanno Alternativo

Vivere più semplicemente per permettere agli altri semplicemente di vivere

I giorni che precedono la fine dell'anno, a servizio degli ospiti della Mensa Caritas di Stazione Termini. Animazione del veglione con gli ospiti dell'Ostello Caritas "Don Luigi Di Liegro". Si tratta di un'esperienza di prossimità con chi non ha attorno a sè una rete di affetti, relazioni, sostegni.

Testimonianza
Capodanno Alternativo

Roma Mensa Caritas Luigi di Liegro

Bibbia - Servizio - Animazione

Passo Oltremare

Formazione al volontariato missionario

Cammino formativo per quanti desiderano partecipare ad un'esperienza internazionale di fede, carità, solidarietà in collaborazione con la Fondazione Thouret. L'itinerario accompagna i giovani all'accoglienza dell'altro e al dono del proprio tempo e capacità in esperienze prolungate di missione

Testimonianza
Passo Oltremare

Roma Suore della Carità

Mondialità - Volontariato - Formazione

Triduo Pasquale

La Settimana Santa accanto agli "invisibili" di oggi

Un tempo prolungato di preghiera, fraternità e servizio. Le celebrazioni del Triduo pasquale sono animate presso strutture carcerarie, affinché i detenuti e le detenute vivano il Mistero Pasquale e possano incontrare il Cristo Crocifisso e Risorto

Testimonianza
Triduo Pasquale

Milano Suore della Carità

Spiritualità - Servizio - Fraternità

Campi estivi

Campi estivi di formazione e servizio in Italia, Malta, Albania

Una settimana dell'estate per entrare in relazione diretta con chi vive nelle periferie esistenziali e ripartire con un passo diverso. Il servizio si svolge presso centri di accoglienza per senza-fissa-dimora, rifugiati, donne vittime di tratta, mamme in grave disagio sociale, minori stranieri non accompagnati. Si fa vita comune.

Testimonianza
Campi estivi

Italia - Malta in realtà di accoglienza

Quotidianità - Servizio - Impegno

Volontariato missionario

Esperienze più o meno prolungate in paesi extra-europei, in contesti accoglienti ma difficili per le condizioni di povertà e di marginalità.

Motivazioni evangeliche, spirito di adattamento e di servizio, curiosità, voglia di rientrare con un'altra coscienza del mondo e della nostra responsabilità

Testimonianza
Volontariato missionario

Comunità delle Suore della Carità nel mondo

Intercultura - Prossimità - Servizio

Le Suore della Carità

  • Donne affascinate dal Vangelo, in cammino, al seguito di Cristo
    Giovanna Antida alle suore, 1823 «È Gesù solo che vogliamo sempre seguire»
  • Per sempre, vivere la grazia del nostro Battesimo
    Introduzione alle Regole, 1807 «Tutte figlie di una stessa famiglia. Apparteniamo a Dio, in quanto cristiane e come vere suore della carità»
  • Amiche dei piccoli e dei poveri
    Introduzione alle Regole, 1807 «Ai poveri far conoscere, amare e servire Dio, come ha fatto Gesù»
  • In missione, a nome della Chiesa
    Giovanna Antida alle suore, 1820 «Sono Figlia della Santa Chiesa; siatelo con me»
  • 1