Proposte e momenti itinerario annuale

01 Ott 307
DAMMI UN CUORE! è lo slogan che caratterizza l'itinerario annuale della pastorale giovanile delle Suore della Carità di quest'anno. È una proposta che si articola attraverso molteplici strumenti e momenti.

Volontariato internazionale

PERCORSO DI FORMAZIONE Volontariato internazionale presso una delle missioni delle Suore della Carità nel mondo
CON LA FONDAZIONE THOURET Quattro incontri presso la sede della Fondazione Thouret
IL PRIMO INCONTRO Sabato e domenica 13-14 ottobre 2018: "Il racconto..."

News

  • 1
  • 2

L’AFFIDO affronta con onestà una tematica urgente e attuale come quella della violenza su donne e figli.

Opera prima di Xavier Legrand che ha vinto il Leone d'argento a Venezia, per la miglior regia, premio meritatissimo perché il regista, adottando il punto di vista del piccolo Julien, senza mai ricorrere a scene esplicite di violenza, riesce ad imbastisce un thriller dell’anima che, in un crescendo di tensione, approda a uno dei finali più emozionanti visti negli ultimi tempi, mettendo in luce il netto contrasto tra l’esigenza di bene sincero dei ragazzi e quella di possesso mascherato da amore dei più grandi.

Il bellissimo film francese ha per protagonista un ragazzino figlio di due genitori separati. Lui non vorrebbe più rivedere il padre violento, ma un giudice non è d'accordo. Un thriller dell'anima che, senza mai ricorrere a scene di violenza esplicita, fa riflettere e commuovere.

Xavier Legrand dirige un bel gruppo di ottimi attori e propende per una regia che non si fa mai invadente, ma è ben funzionale a una narrazione misurata dove a parlare sono le cicatrici sui volti, i silenzi, i timori, le incertezze e le lacrime dei vari protagonisti. Il quadro, poco per volta, si fa così chiaro e completo. Il film di Legrand non spicca di certo per originalità ne pretende di essere un capolavoro. Ma è proprio questo suo voler essere misurato a far sì che il racconto riesca a centrare il bersaglio e a emozionare molto più di tanti film d’autore poco sostanziosi.

Dopo essersi separati, Miriam e Antoine si ritrovano davanti al giudice per discutere dell’affido congiunto del figlio Julien. La donna si dice totalmente contraria e descrive il marito come un uomo pericoloso e violento. Antoine si difende come meglio può, provando a convincere il giudice a perorare la sua causa di padre disprezzato e messo contro i propri figli da una madre manipolatrice e animata solo da astio e risentimento. Sebbene non sia semplice capire dove risieda la verità, i depositari della giustizia propendono per l’affido congiunto, rendendo così il giovanissimo Julien ostaggio e vittima di una relazione difficile e sempre più conflittuale.

Ed è proprio Julien, interpretato da Thomas Gioria con un rigore e una credibilità da grande attore, a caricarsi sulle esili spalle il peso di un film di notevole intensità drammatica che si apre come un legal movie per sfociare ben presto nel dramma familiare e raggiungere vette di grande impatto visivo ed emotivo nel finale, quando Legrand cambia ancora registro e vira persino verso il thriller. Il film, attento a non scivolare nel facile pietismo o nei luoghi comuni, tiene ben agganciato lo spettatore, sempre più coinvolto nella vicenda e determinato a scoprire chi tra i due genitori stia dicendo la verità; o mentendo meno.

Classe 1979, Legrand indaga il delicato terreno della separazione e ci pone nella condizione di dover capire, fin dalle primissime battute del film all’interno dell’aula di tribunale, per chi parteggiare. Proprio come i giudici alle prese con una scelta complicata, siamo chiamati a decidere se concedere o meno una possibilità ad Antoine, ben consapevoli che le conseguenze di ogni decisione peseranno soprattutto su Julien: impossibilitato a scegliere perché minorenne e costretto a dover trascorrere con quest’uomo lunghi periodi del suo tempo.

Un esordio davvero soddisfacente quello di Xavier Legrand che da attore è passato brillantemente dietro la macchina da presa. Se infatti con il suo cortometraggio  Avant Que De Tout Perdre era riuscito nel 2014 a conquistare una candidatura ai premi Oscar come Miglior Cortometraggio, con il suo primo film, L'affido, Legrand ha già conquistato tutti, soprattutto il pubblico e la critica di Venezia.

In evidenza

  • Default
  • Title
  • Date
  • Random
load more hold SHIFT key to load all load all

Mettiamoci nei panni degli altri

Nei panni di chi crede nei sogni

Nei panni di chi crede nei sogni

LA VOCE DELLE COSE PERDUTE di Sophie Chen Keller. Sospesa fra il fascino della magia e la profondità della magia, Read More
Nei panni dei figli di padri violenti

Nei panni dei figli di padri violenti

L’AFFIDO affronta con onestà una tematica urgente e attuale come quella della violenza su donne e figli. Opera prima di Read More
Nei panni dei bambini sotto la soglia di povertà

Nei panni dei bambini sotto la soglia di povertà

UN SOGNO CHIAMATO FLORIDA Un ritratto tenero e puntuale di un sottoproletariato americano nascosto dietro una fragile facciata pop. Il Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

La nostra storia

Movimento Giovanile santa Giovanna Antida Thouret

Iniziative SGAT

Capodanno Alternativo

Vivere più semplicemente per permettere agli altri semplicemente di vivere

I giorni che precedono la fine dell'anno, a servizio degli ospiti della Mensa Caritas di Stazione Termini. Animazione del veglione con gli ospiti dell'Ostello Caritas "Don Luigi Di Liegro". Si tratta di un'esperienza di prossimità con chi non ha attorno a sè una rete di affetti, relazioni, sostegni.

Testimonianza
Capodanno Alternativo

Roma Mensa Caritas Luigi di Liegro

Bibbia - Servizio - Animazione

Passo Oltremare

Formazione al volontariato missionario

Cammino formativo per quanti desiderano partecipare ad un'esperienza internazionale di fede, carità, solidarietà in collaborazione con la Fondazione Thouret. L'itinerario accompagna i giovani all'accoglienza dell'altro e al dono del proprio tempo e capacità in esperienze prolungate di missione

Testimonianza
Passo Oltremare

Roma Suore della Carità

Mondialità - Volontariato - Formazione

Triduo Pasquale

La Settimana Santa accanto agli "invisibili" di oggi

Un tempo prolungato di preghiera, fraternità e servizio. Le celebrazioni del Triduo pasquale sono animate presso strutture carcerarie, affinché i detenuti e le detenute vivano il Mistero Pasquale e possano incontrare il Cristo Crocifisso e Risorto

Testimonianza
Triduo Pasquale

Milano Suore della Carità

Spiritualità - Servizio - Fraternità

Campi estivi

Campi estivi di formazione e servizio in Italia, Malta, Albania

Una settimana dell'estate per entrare in relazione diretta con chi vive nelle periferie esistenziali e ripartire con un passo diverso. Il servizio si svolge presso centri di accoglienza per senza-fissa-dimora, rifugiati, donne vittime di tratta, mamme in grave disagio sociale, minori stranieri non accompagnati. Si fa vita comune.

Testimonianza
Campi estivi

Italia - Malta in realtà di accoglienza

Quotidianità - Servizio - Impegno

Volontariato missionario

Esperienze più o meno prolungate in paesi extra-europei, in contesti accoglienti ma difficili per le condizioni di povertà e di marginalità.

Motivazioni evangeliche, spirito di adattamento e di servizio, curiosità, voglia di rientrare con un'altra coscienza del mondo e della nostra responsabilità

Testimonianza
Volontariato missionario

Comunità delle Suore della Carità nel mondo

Intercultura - Prossimità - Servizio

Le Suore della Carità

  • Donne affascinate dal Vangelo, in cammino, al seguito di Cristo
    Giovanna Antida alle suore, 1823 «È Gesù solo che vogliamo sempre seguire»
  • Per sempre, vivere la grazia del nostro Battesimo
    Introduzione alle Regole, 1807 «Tutte figlie di una stessa famiglia. Apparteniamo a Dio, in quanto cristiane e come vere suore della carità»
  • Amiche dei piccoli e dei poveri
    Introduzione alle Regole, 1807 «Ai poveri far conoscere, amare e servire Dio, come ha fatto Gesù»
  • In missione, a nome della Chiesa
    Giovanna Antida alle suore, 1820 «Sono Figlia della Santa Chiesa; siatelo con me»
  • 1